Collezione "Merci di Culto" selezionata per la mostra sul Merchandising Museale del Ministero dei Beni Culturali | Macef 06-09 set 2012

Muse d’Italia
Benefici d’inventario del merchandising museale

  
La possibilità di portare con sé un ricordo tangibile e di accedere a testi e cataloghi per l’approfondimento dei temi incontrati è una componente essenziale per il successo dell’esperienza della visita di un sito culturale. A oggi, in Italia, il settore del merchandising museale, che peraltro raccorda due settori di eccellenza italiani: Musei eDesign, non è ancora stato esplorato in tutte le sue potenzialità, come è invece già stato fatto dalle grandi istituzioni museali internazionali o da altre amministrazioni pubbliche (in particolare Aeronautica Militare e Marina Militare), che hanno anche costituito piattaforme web per la promozione e vendita on-line degli oggetti.

  
Macef ha avviato un percorso di promozione e di valorizzazione del patrimonio culturale italiano attraverso l’identificazione di linee di prodotto con il fine di:
• promuovere il patrimonio culturale italiano, generando attrazione, interesse e conoscenza;
• generare risorse economiche destinate alla valorizzazione sostenibile del patrimonio culturale italiano;
• sviluppare o consolidare il senso di appartenenza a una tradizione culturale comune;
• offrire un’immagine moderna e accattivante del patrimonio culturale italiano;
• avvicinare ed educare a una fruizione consapevole e partecipata le fasce più giovani della popolazione italiana;
• favorire la valorizzazione e la diffusione di prodotti artistici e culturali di qualità, contribuendo alla promozione del Made in Italy.

 
La mostra Muse d’Italia si propone come rilevazione di oggetti esistenti e di prototipi del merchandising museale ritenuti significativi modelli di espressione delle indicazioni ministeriali. Pertanto si vuole accertare la consistenza del patrimonio dell’innovazione nel campo dell’oggettistica museale.
Contemporaneamente vuole divenire il registro di competenze progettuali e produttive che si rivolgono ai beni artistici e li rielaborano.

 
Obiettivi della mostra:
• dimostrare il processo per cui i beni artistici e culturali italiani diventano il riferimento per altre opere d’arte o d’artigianato o industriali;
• superare la collocazione museale del patrimonio artistico, facendolo diventare riferimento per oggetti della quotidianità;
• creare modelli progettuali che utilizzano l’arte come riferimento;
• promuovere la progettazione e la produzione di innovazioni, soprattutto tipologiche, del merchandising museale;
• dare riferimenti concreti al mercato degli shop museali, in modo da arricchire la loro offerta.

 
La mostra diviene un riferimento per la costituzione di un catalogo di oggetti del merchandising museale realizzati con il marchio MiBAC Merchandising, che il Ministero promuoverà con modalità in via di definizione.

 
PARTECIPANO ALL'ESPOSIZIONE:
• A4a
• Alessandra Scarfò Design
• Alessi
• Arbos
• Artex – Museo Museo
• Botteganove
• Carlo Trevisani
• Driade
• Essent’ial
• Giulia materia
• Lessmore. Ecodesign di G. Caporaso (by Logics)
• Linea Sette
• Rossociliegia
• Semid’arte
• Studiodsgn

 

http://www.macef.it/merchandising-museale

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

Sono un creativo regolarmente iscritto al sito www.gliartigianauti.com

Follow Me on Pinterest